July 29, 2013

Scatto ad un gabbiano



L'immagine del gabbiano è in genere portatrice di sensazioni inebrianti legate al senso di libertà e di spazio, al sentirsi immersi nella luce e partecipare intimamente e profondamente della vita.

Presente in alcuni miti e racconti indiani come colui che possiede la luce, il gabbiano è un animale che vola sul mare e sulla terraferma, in solitudine o in grandi stormi, che ci ciba di pesce fresco appena catturato o di resti rinvenuti nelle discariche di immondizie, che resta indipendente e libero pur vivendo a stretto contatto con l’uomo e non mostrando timore nei suoi confronti.

Il gabbiano è un grande esempio di adattabilità, di utilizzo delle proprie risorse per sopravvivere, di capacità di vivere la bellezza e la leggerezza dell’esistenza senza dimenticare il senso pratico, la concretezza che lo fa ritornare a terra a becchettare qua e là come un animale da cortile. Ma nelle sue scorribande aeree esprime tutto piacere della libertà, nei suoi gridi rauchi e sgraziati la gioia della vita e del movimento.

Nel libro di R. Bach "Il gabbiano Jonathan Livingstone” il protagonista è un giovane gabbiano che compie un viaggio di ricerca interiore verso il senso dell’esistenza, verso l’esperienza e l’accettazione della vita. La narrazione si snoda dal puro e semplice apprezzamento di ciò che la natura rende disponibile, al mondo delle idee che sfocia in una consapevolezza più profonda della propria natura di essere vivente.

In questa prospettiva il gabbiano, con il suo candido innalzarsi sopra le onde del mare, diventa nei sogni il simbolo di un contatto profondo e intimo con la natura, ma pure della gioia di vivere, di comprensione ed accettazione di ogni fase ed esperienza della vita. Il gabbiano compare raramente nei sogni, ma la sua immagine è in genere portatrice di sensazioni inebrianti legate al senso di libertà e di spazio, al sentirsi immersi nella luce e partecipare intimamente e profondamente della vita.

July 18, 2013

Vundelpark


Una delle cose che preferisco in primavera ed estate è il pic-nic. Questo mese di luglio è stato spettacolare, soleggiato e caldissimo, io e il mio ragazzo non abbiamo fatto altro che trascorrere queste giornate di sole al parco e di notte nei bar. Era da un po' che non andavamo fuori a goderci la città per serate consecutive, in modo da passare il tempo sdraiati al parco la mattina e tutto il pomeriggio, per poi rintanarci nei bar con condizionatore al massimo la notte. E' stato a dir poco fantastico, guardare le nuvole, e stare sotto il sole caldo, è perfetta questa estate l'Olanda.










Siamo stati tutto il tempo a Vondelpark, si trova un pò fuori dal centro della città, siamo stati a prendere il sole al solito posto, abbiamo fatto del barbecue, giocato a frisbee etc... I tulipani sono in piena fioritura, io adoro le macchie di colore felici che si trovano ovunque.

February 12, 2013

Un grazioso week-end

Questo fine settimana è stato grazioso, è venuta a trovarci dall'Italia la mamma del mio LUI e devo dire che ci siamo proprio divertiti. Siamo andati a prenderla a Schiphol e sinceramente non poteva capitare in un momento migliore, visto che Amsterdam è piena di neve. L'abbiamo fatta camminare molto, noi adoriamo camminare, e camminare ad Amsterdam con la neve è ancora più bello. L'abbiamo portata dappertutto e soprattutto le abbiamo fatto conoscere questa città sotto occhi diversi da quelli di un normale turista. Ecco a voi le foto che ho fatto in questi giorni.

Qui stavamo andando alla nord, io adoro fare le foto dal basso verso l'alto, in fondo c'è una scalinata che porta al lungo mare e proseguendo sempre avanti si vede l'isoletta preferita da me e il mio ragazzo.
















Eccolo qui! Questo è il magnifico week-end passato con la mamma del mio ragazzo.

February 07, 2013

Blond Amsterdam e Dutch Phrase book





Yeeeh! sono troppo contenta finalmente ho comperato l'agendina della Blond Amsterdam (che non è stata un'impresa da poco) e il Dutch Phrase Book per la pronuncia e le parole dall'inglese all'olandese, a dir poco fantastico! Mi sto già allenando con "questo" olandese e devo dire che non è per niente semplice. Ci sono delle parole impossibili esempio la "G" da pronunciare, che sembra più una "gracchiata", che una parlata, ma non dilunghiamoci troppo.

L'agendina l'ho trovata scontata a 10.00, che bellezza, costava 14.95. La biro l'ho presa grigia (perché la rossa era finita), ed che essendo piccola, potrei portarla sempre con me. L'agendina è di un marchio olandese, percui non so se Italia ci sia. E' carinissima, perché comprende tutte le feste ci sono a Nederland, ricette sui dolci della Blond, alcune creme per la pelle sempre della Blond, oggettistica per casa, scuola etc... Sempre del marchio Blond.

Riguardo a me oggi dovevo andare alla Nord a fare un giro col mio ragazzo, dovete sapere che quando c'è la neve o il tempo bello, a noi piace prendere il "Boat" gratuito e dirigerci dove non c'è turismo, o comunque la massa di gente che ci fa rimbambire. La Nord è un posto tranquillo e pacifico, dove si può godere di un'ottima vista e pace. Senò abbiamo un altro posto, ma lo tengo segreto, perché sono molto gelosa di quel posticino.

Sto ancora girovagando in lungo e in largo per trovare lavoro qui ad Amsterdam, e la cosa che mi fa arrabbiare è che nessuno sta cercando, perché non c'è lavoro. Non mi sarei mai messa in questo pasticcio se venivo a conoscenza del fatto che sarei stata a casa il mese di febbraio, ma avrei cercato a dicembre. sono una persona molto prudente, preferisco farmi i miei calcoli per non restare a pancia asciutta in questi mesi, invece purtroppo è capitato... Vabbé aspetterò impaziente il mio turno, qualcuno chiamerà caspiterina. Ora mi guarderò un pò di tv italiana su un sito web assieme al mio ragazzo. A domani
Tot ziens (che si pronuncia "tot zins" e vuol dire goodbye)